FAQ

I moderni sistemi Softproofing come Spectraproof sono in grado di visualizzare con precisione le tinte piatte come PANTONE, HKS ecc. Questo sistema Softproof ha, ad esempio, la capacità di lavorare con una matematica spettrale e una previsione precise per i colori spot. I canali di colore spettrali misurati o sintetizzati vengono stratificati in SpectraProof sopra i livelli di colore CMYK o altri. SpectraProof calcola la sovrastampa, ecc. su base spettrale. Fornisce quindi una previsione spettrale accurata del risultato di stampa per qualsiasi layout multicolore con tinte piatte.

Anche le rampe per i colori spot possono essere sintetizzate o misurate spettralmente entro SpectraProof. Questo migliora la previsione spettrale del softproof.

I profili ICC a canale N sono utilizzati nella gestione del colore per gestire la riproduzione del colore nei dispositivi di stampa che utilizzano più dei canali di inchiostro CMYK standard. Questi profili sono essenziali per ottenere una resa cromatica accurata e con gamut esteso. Sono particolarmente preziosi nella stampa commerciale e di packaging, dove la fedeltà del colore è fondamentale.

SpectraProof può eseguire il softproof di qualsiasi profilo ICC a canale N, come FOGRA55 CMYKOGV ECG, e visualizzare accuratamente i colori sul monitor softproof. Tutti i canali possono essere convalidati nella convalida del lavoro.

La gestione e la calibrazione del colore sono fondamentali nella stampa ECG per garantire la riproduzione accurata dei colori desiderati. Soprattutto con questo concetto di stampa relativamente nuovo, un softproofing accurato con SpectraProof può far risparmiare molto tempo e fatica per ottenere risultati rapidi, accurati e colorati nel softproof e nella stampa.

In SpectraProof, non solo può misurare i bianchi della carta dei substrati e farli simulare come bianchi di carta modificati nel softproof, ma può anche utilizzare facilmente carte intere con le loro superfici specifiche, come kraft o cotone, carte di lino con texture superficiali distinte o carte riciclate con la loro superficie aperta, per una simulazione foto-realistica.

Può facilmente scansionare nuovi substrati e importarli in SpectraProof come file immagine. Con il tempo, può costruire un archivio di carta e substrati dei materiali che utilizza, che potrà poi utilizzare per una simulazione accurata dei colori in SpectraProof.

I moderni software di Softproofing come Spectraproof offrono una facile importazione di tinte piatte personalizzate: Qualsiasi file CxF o CGATS può essere utilizzato per importare i dati spettrali misurati in Spectraproof per una visualizzazione precisa delle tinte piatte. Oppure può utilizzare lo strumento di misurazione integrato e misurare direttamente i dati spettrali in modalità M0/M1/M2 in Spectraproof. Tutti i colori spot spettrali misurati o importati possono essere nominati e ordinati in librerie di colori individuali. Queste librerie possono poi essere utilizzate in Spectraproof su scala cliente, progetto, stampante, inchiostro o substrato.

Anche le rampe per tutte le tinte piatte possono essere misurate o importate in formato CxF o CGATS.

Le Softproof sono potenti e con la convalida del monitor e la convalida del lavoro facilitano l'accuratezza del colore anche in condizioni critiche. Inoltre, le moderne soluzioni di softproofing come Spectraproof possono persino utilizzare le immagini per la simulazione di sovrimpressioni come la lamina d'oro, eccetera, che non funzionerebbero mai su una prova digitale fisica. D'altra parte, la simulazione di un'elevata quantità di agenti schiarenti ottici (OBA) in un supporto cartaceo non patinato molto bianco funziona meglio su una carta di prova contenente anch'essa un'elevata quantità di OBA. Pertanto, la scelta di Softprofing o Hardcopy-Proofing (o di entrambi) dipende dai requisiti del progetto, dalle condizioni di stampa e dal livello di precisione desiderato.

La calibrazione del monitor comporta la regolazione delle impostazioni cromatiche e dell'output su un monitor per garantire una rappresentazione accurata dei colori sullo schermo. È fondamentale per il softproofing mantenere la coerenza tra le anteprime digitali e la stampa finale, riducendo al minimo le discrepanze cromatiche. Con le moderne soluzioni di softproofing come Spectraproof, può utilizzare un dispositivo di misurazione del colore come i1Pro2 o MYIRO1 per calibrare il monitor all'interno di Spectraproof e convalidare il monitor in seguito per ottenere softproof affidabili e precisi.

Naturalmente, il softproofing richiede un monitor moderno ad ampio raggio che possa essere calibrato a livello hardware per ottenere la migliore qualità di visualizzazione. Se il suo monitor è in grado di visualizzare solo sRGB, ad esempio, non sarà nemmeno in grado di coprire le gamme di colori tipiche della carta patinata come ISOCoatedV2, poiché sRGB presenta notevoli carenze nell'area del ciano e non è nemmeno in grado di visualizzare con precisione un ciano 100% in ISOCoatedV2. Ma molte soluzioni di monitor moderni, come ad esempio EIZO, BENQ, NEC, Viewsonic, sono in grado di visualizzare +99% AdobeRGB e funzionano in modo eccellente come monitor softproofing. Per un comfort ottimale nel softproofing, può aggiungere una soluzione normlight calibrabile all'interno della cabina del monitor, per poter verificare la prova di stampa o la copia cartacea direttamente con il softproof sul monitor.

Le impostazioni di soft proofing si trovano in genere nel software di progettazione, sotto le opzioni di gestione del colore. Configuri le impostazioni in base alle condizioni di stampa desiderate, ai profili colore e ai requisiti specifici del progetto. Ma tenga presente che le applicazioni di design come InDesign o Photoshop che offrono una sorta di "softproof" software non sono in alcun modo paragonabili a una soluzione di softproofing professionale come Spectraproof.

Potrebbero essere in grado di visualizzare un'immagine in colori RGB o CMYK accurati per i fotografi, ma poiché non offrono alcun Raster Image Processor (RIP), ecc. non possono essere utilizzati per la prestampa e il softproofing di stampa accurati con colori spot, gamut 7C, sovrastampa, papertones, vernici, lamine e altro ancora.

Photoshop non offre alcuna convalida, quindi ciò che Photoshop chiama "softproof" non può essere paragonato a un "vero softproof" con una soluzione di softproofing specializzata come Spectraproof.

Sì, i file CxF (Color Exchange Format) possono essere utilizzati per il softproofing dei colori spot. CxF è un formato di file basato su XML sviluppato dall'organizzazione International Cooperation for the Integration of Processes in Prepress, Press, and Postpress (CIP4). È stato progettato per scambiare informazioni sul colore tra le diverse fasi del processo di stampa.

Per le tinte piatte, i file CxF possono contenere dati spettrali dettagliati, consentendo descrizioni del colore precise, oltre a quelle possibili con i modelli di colore tradizionali come RGB o CMYK. Questi dati spettrali includono informazioni sul modo in cui il colore appare in varie condizioni di illuminazione, rendendoli particolarmente utili per una comunicazione accurata del colore nei flussi di lavoro di stampa.

Spectraproof è uno dei pochi RIP in grado di estrarre e fare il softproof con i dati spettrali CxF che si trovano nel PDF o in un file CxF o CGATS separato. Naturalmente, può anche misurare qualsiasi campione fisico di una stampa di riferimento o di un fan deck direttamente in Spectraproof, memorizzarlo e utilizzarlo come definizione di spotcolor per il softproof.

Poiché Spectraproof è una soluzione software, è necessario prima un hardware per un softproofing accurato:

  • A monitor wide-gamut che può superare la calibrazione
  • luce ambientale controllabile come la D50 normlight, forse anche all'interno del paraluce del suo monitor.
  • a dispositivo di misurazione per calibrare, convalidare e misurare i colori, come un X-Rite i1Pro2 o un KonicaMinolta MYIRO1.

Se dispone di questi requisiti hardware, il software Spectraproof si occuperà della misurazione, della convalida e del softproofing per lei. Può scegliere tra tre diverse versioni di Spectraproof, che può acquistare o noleggiare a un prezzo ragionevole:

  • Spectraproof Professionale che offre tutte le funzioni come lavori 4C CMYK + Spotcolor, CxF4 e altro ancora.
  • Spectraproof Standard che è perfetto per gli utenti di ECG 4C e 7C
  • Visualizzatore Spectraproof per la visualizzazione accurata delle preconfigurazioni Lavori Spectraproof

Softproofing La grafica basata su CMYK è ben consolidata. Funziona molto bene per i substrati simili alla carta. Le tecniche funzionano anche per contenuti completamente caratterizzati che utilizzano condizioni di stampa di riferimento basate su RGB o Multicolore, come FOGRA58 (RGB) o FOGRA55 (CMYKOGV).

Le tinte piatte, tuttavia, possono sfidare questo processo. La diversa natura delle tinte piatte si riflette in diverse definizioni come:

  • un singolo colorante, identificato dal nome, con i valori del colore specificati in un sistema di coordinate cromatiche.
  • miscele di inchiostro specializzate, utilizzate per produrre un colore specifico nella stampa commerciale.
  • un colore non di processo utilizzato in aggiunta o al posto di un colore di processo

Spectraproof può gestire qualsiasi definizione di tinta piatta. In Spectraproof, le tinte piatte per il softproofing possono essere definite da:

  • Valori LAB assegnati al colore spot corrispondente.
  • Valori spettrali CXF importati da un file
  • Valori spettrali misurati direttamente in Spectraproof con un dispositivo collegato, come un i1Pro2 o un KonicaMinolta MYIRO1.
  • Valori spettrali importati con la definizione delle singole tinte/rampa misurate delle tinte piatte sul substrato utilizzato.
  • Valori spettrali importati con definizione delle singole tinte/rami misurati dei colori spot sul substrato utilizzato PIÙ tinte/rami contro il Nero PIÙ tinte/rami contro un grigio neutro. Questa è la migliore definizione possibile per una riproduzione ottimale in Spectraproof.

Si senta libero di creare un numero qualsiasi di librerie di tinte piatte individuali in Spectraproof per la sua convenienza, sia in base al cliente che per uno qualsiasi dei sistemi di tinte piatte utilizzati, come ad esempio Pantone, HKS, TOYO, DIC o i sistemi open source come il freieFarbe Atlante a colori CIELAB HLC XL e molti altri.

it_ITItaliano